Evidenze forensi a Quarto Grado

Soccorritori a Quarto Grado.

Soccorritori a Quarto Grado.

Ieri sera, venerdì 8 luglio, siamo stati alla trasmissione tv Quarto Grado insieme agli equipaggi di Misericordia Milano e Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Suzzara. Abbiamo simulato l’intervento sulla scena del crimine.

O meglio sono stati i dipendenti e i volontari delle due associazioni a farlo: si sono prestati a rappresentare il soccorso come è oggi, nella maggior parte delle realtà, quando ci si trova su una scena del crimine, e come invece dovrebbe essere.

A oggi il soccorso extra ospedaliero di emergenza urgenza, seppur ottimo grazie alla formazione, non ha riguardo per la scena del crimine. Il focus è esclusivamente sul paziente. Ed è giusto, naturalmente.

13645281_10210073976870040_3133624787784063589_nEvidenze forensi: tracce da non disperdere

Ma con alcuni semplici accortezze, come la videoregistrazione della scena, è possibile arrivare al soccorso 2.0 ovvero a quello che preserva tracce, prove ed evidenze forensi. Perché se è vero che il compito dei soccorritori si conclude con la consegna del paziente al triage è pur vero che un paziente che è stato vittima di un crimine deve avere giustizia.

E in tribunale valgono le prove. La videoregistrazione è una prova. Le evidenze forensi sono fragili, ma con la formazione adeguata i soccorritori, spesso primi a intervenire, possono fare la differenza tra processi lunghi e terribili (per le vittime e per gli imputati) e processi con evidenze forensi integre e utilizzabili.

Lascia un commento